Lascia andare il dolore

cane morto lascia andare dolore

La separazione del proprio Amico a 4 zampe è un momento molto difficile, spesso traumatico. Anche se il cane ha raggiunto il massimo dei suoi giorni il dolore ti trapassa il cuore.
In alcuni casi invece, sapere di dover mettere fine alla sua vita, anche se in presenza di enormi sofferenze, ti fa sentire in colpa.

La maggioranza delle persone, dopo aver vissuto questa separazione decidono di non parlarne più: non vogliono nemmeno una foto e decidono di non prendersi altri cani. Possiamo capirli.
Tuttavia c’è una soluzione per far sì che questo dolore interiore svanisca e tu possa ritornare a vivere con serenità il ricordo che hai di lui.

Esperti del settore adottano da anni con successo un metodo semplice, ma molto potente. In pratica la persona che deve risolvere il trauma della separazione deve scrivere su un foglio tutta la sua sofferenza.
Non deve pensare cosa scrivere. Deve scrivere “di pancia”, cioè tutto quello che gli passa per la mente in quel preciso momento.

ESERCIZIO PRATICO:

1° Giorno.

Mettere una foto davanti a Voi della creatura scomparsa.

Accendere una piccola luce o una candela (tranquilli non c’è nessun rito strano) è solo per creare intimità.

Iniziate a scrivere: “sto soffrendo molto perché mi manca tanto…. Mi sembra di impazzire solo al pensiero che non c’è più. Mi sento in colpa perché…“, ecc.
Scrivete tutto quello che provate.


2° Giorno.

Leggete a voce alta quello che avevate scritto per due volte separatamente. Al mattino e al pomeriggio o sera.
Dopo aver letto per la seconda volta, bruciate il foglio (per sicurezza) nel lavandino dentro una ciotola di vetro o ferro.

Ripetete l’esercizio, se vi sentite ancora sofferenti, fino a un massimo di tre volte. Così sarete certi di avere rimosso tutta la sofferenza. In totale sei giorni.

Questo è un metodo usato con successo dai migliori specialisti del settore per risolvere traumi o blocchi anche gravi.

Ricordalo nel Cimitero Virtuale. Scopri Riplove (si apre in una nuova finestra)

Condividi:

Ti è piaciuto questo articolo?

Ricevi aggiornamenti dalla nostra Newsletter.

Inserendo la tua email accetti la nostra Privacy Policy.