Fuochi d’artificio e Petardi un pericolo mortale

fuochi artificio e botti pericolo mortale

L’ultimo giorno dell’anno è un giorno di passione per tante creature: cani, gatti, uccelli, cavalli, ecc. Purtroppo molte di queste muoiono per colpa dei petardi che vengono sparati.
La maggioranza delle persone non si rendono conto del male che i petardi e i fuochi d’artificio creano fintanto che la televisione o i social media non ne mostrano la cruda realtà.

Non si può diventare ambientalisti quando i capi di stato si trovano e parlano di ambiente oppure nel fine settimana quando si esce con i figli o quando si va a correre.
La natura non si usa: non si preleva, per così dire senza mai versare. E’ da egoisti. Si deve tutelare nella sua completezza, sempre.

SUGGERIMENTI UTILI

  • Fai l’ultima uscita notturna con il cane prima che vengano sparati i botti.

  • Fai molta attenzione perchè alcuni ignorano i divieti e sparano i botti nelle vicinanze delle abitazioni anche molte ore prima della mezza notte.

  • Sposta il tuo cane in un locale di casa dove si sentono meno i botti e forniscigli giocattoli e altre cose che gli piacciono.

  • Assicurati che ci siano anche cose da fare per te, in modo che il tuo cane non venga lasciato solo.

  • Chiudi le finestre e le tende per ridurre il suono dei botti.

  • Metti della musica o accendi la TV e regola il volume in modo da mascherare i botti.

  • Ignora tu stesso i rumori dei botti.

  • Gioca con un giocattolo per vedere se il tuo cane vuole partecipare, ma non costringerlo a giocare.

  • Non lasciare mai il cane da solo la notte del 31 Dicembre.
scala decibel uomo

Ragiona. Se lo scoppio di un petardo è dannoso all’udito dell’uomo, non pensi che lo sia anche per gli altri animali, cane incluso? E’ doveroso che sappiate che l’udito del cane è quattro volte più sensibile di quello dell’uomo.

Realtà. Malgrado l’ordinanza dell’autorità che ogni anno vieta di esplodere materiale pirotecnico vicino agli isolati, la quasi totalità delle persone la ignora. Vedi ordinanza (si apre in una nuova finestra).

Dati. L’EPI: Environmental Performance Index, nella classifica dei paesi più Green al mondo vede l’Italia fuori dai 10 paesi migliori e purtroppo la vede passare dal 22° al 29° posto. Altro che progresso!

Siamo realisti, anche quest’anno allo scoccare della mezzanotte del 31 Dicembre assisteremo ad un “bombardamento” nei cortili di casa, nei giardini pubblici e anche nei campi.

Tanto i le fà tuti, sa ghè de mal. Par nà olta.
(Traduzione) Tanto lo fanno tutti, cosa c’è di male. Per una volta.

Condividi:

Ti è piaciuto questo articolo?

Ricevi aggiornamenti dalla nostra Newsletter.

Inserendo la tua email accetti la nostra Privacy Policy.